La campagna di produzione dell'olio è in pieno regime Stampa
Scritto da Oscar De Lena   
27 ottobre 2010 S.Fiorenzo
La mattina c'è da fare, la sera da pensare
macine_delle_olive-icoAnche se il tempo alterna a giornate di sole giornate di pioggia, ormai già da alcuni giorni è iniziata la campagna per la raccolta delle olive e nei tanti oliveti sangiacomesi c'è un gran movimento di persone, scale, reti per raccogliere le olive, trattori con il carrello colmo di sacchi pieni che fanno la spola tra le campagne e i due frantoi che ormai lavorano a tutto spiano.Nel frantoio i cassoni pieni di olive, che si trasformeranno in ottimo olio, si accavallano l'uno su l'altro in attesa del turno per entrare nel ciclo di produzione che prevede: la molitura, la pressatura della sansa, la separazione dell'olio dall'acqua e finalmente il riempimento dei contenitori con l'olio, l'oro giallo di S.Giacomo, per riportarlo a casa. La resa quest'anno oscilla tra i 13-17 litri per quintale. Le olive provengono quasi tutte da piante del tipo la "gentile di Larino". I frantoi a S.Giacomo riescono annualmente a macinare singolarmente circa 5000 quintali di olive con una produzione di circa 750 quintali di olio che viene in parte consumato dai residenti, in parte esportato sia in Italia che all'estero. Per avere una idea del ciclo produttivo, vedi il filmato di cui sotto.