Menu Principale

Votaci nella top 100

Peppino Marsiglia muore a soli 51 anni mentre fa jogging sulla spiaggia di Termoli Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
28 agosto 2010
Peppino Marsiglia, 51 anni, residente a San Giacomo, ha accusato un malore mentre correva sulla spiaggia del litorale nord di Termoli come ogni mattina. Trasportato d’urgenza in ospedale, è arrivato cadavere. Soccorsi inutili per l’uomo, infermiere di psichiatria, appassionato di corsa e sportivo. Ospedale sotto shock per la sua morte. Il caso al vaglio del magistrato, che potrebbe disporre l’autopsia.Termoli. Il malore improvviso l’ha colto mentre faceva jogging in spiaggia sul litorale nord di Termoli al confine con Petacciato. Si è accasciato sulla sabbia chiedendo aiuto. L’ambulanza del 118, dalla postazione di Petaccito, è arrivata in pochi minuti. Il cuore di Peppino Marsiglia, 51enne infermiere di Termoli, si era fermato. Veloce ed efficace il massaggio cardiaco, un intervento prolungato che è riuscito a bloccare l’immediato arresto cardiaco. Ma evidentemente il cuore dell’uomo non ha retto, pechè le crisi non si sono fermate nemmeno durante il rasporto d’urgenza in ospedale, dove l’uomo è arrivato senza vita. I soccorsi sono stati inutili. Peppino Marsiglia è morto nella tarda mattinata di sabato 28 agosto.Una tragedia consumata in poco tempo e che ha lasciato di stucco chi lo conosceva. Sposato e padre di due figlie, residente a San Giacomo degli Schiavoni, Peppino Marsiglia lavorava come infermiere nel reparto di Psichiatria dell’ospedale San Timoteo di Termoli ed era persona nota in città.Ma il 52enne era conosciuto come un tipo molto atletico e patito della corsa, tanto da aver partecipato più volte a delle maratone. Quasi ogni mattina si recava sulla spiaggia libera dalle parti dei residence al confine fra Petacciato e Termoli, e faceva lunghe corse della battigia. Allo stesso modo anche nella mattinata di sabato 28 agosto. Erano da poco passate le 9 quando l’uomo ha avvertito il malore, probabilmente un arresto cardiaco, che poi gli è stato fatale. Sul posto oltre al 118 anche i Carabinieri e la Capitaneria di porto. Nelle prossime ore il magistrato deciderà se disporre l’autopsia. (estratto da Primonumero del 28 ago 10)
 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.