Menu Principale

Votaci nella top 100

Seconda serata del XV San Gia...zz Festival con Maurizio Giammarco e il Jazz Quartet Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
13 agosto 2010 S.Ponziano
maurizio_giammarcoPartenza alla grande ieri sera per la prima serata del San Gia...zz  Festival che ha visto sul palco il "Quintetto Apogeo" del contrabassista Giovanni Tommaso. Tantissima gente presente e tutto esaurito per quanto riguardava le specialità eno-gastronomiche del paese. Prima dell'inzio del concerto è stato ricordato, con un bellissimo filmato, la figura di Nicola Pettola, anima fondatrice di questo festival scomparso prematuramente nell'ottobre dello scorso anno. Una targa ricordo è stata consegnata al fratello da parte del consigliere provinciale Vincenzo Di Narzo. Questa seconda sera del San Gia...zz  Festival vedrà esibirsi sul palco il sassofonista Maurizio Giammarco e il suo jazz quartet con Luca Mannutza al pianoforte, Francesco Puglisi al contrabbasso e Marcello Di Leonardo alla batteria: un quartetto affiatato che si è formato per celebrare la musica di Johnny Griffin, e che si è poi imposto sulla scena jazzistica per la qualità delle interpretazioni proposte.Giammarco, classe ’52, originario di Pavia, sassofonista e compositore, protagonista di primo piano della scena jazz nostrana, vanta una carriera più che trentennale, che lo ha visto collaborare con artisti come Chet Baker, Lester Bowie, Gaslini, Vittorini, Pieranunzi, Rava, Giovanni Tommaso, Bruno Tommaso, Fresu, Aldo Romano, Dave Liebman, Joe Bowie, Marc Dresser, Joe Diorio, Franco Ambrosetti, Jon Faddis, George Gruntz, Billy Cobham, e molti altri ancora. Nel 2005 è diventato direttore della Parco della Musica Jazz Orchestra (PMJO), presso l’Auditorium di Roma, e si è fatto apprezzare per le sue capacità anche in ambito orchestrale. In questa performance di grande qualità, Giammarco è accompagnato da Luca Mannutza, cagliaritano e pianista jazz di alto livello; Francesco Pugliesi, palermitano e bassista che ha collaborato con artisti come Pierannunzi, Massimo Urbani, Enrico Rava, Roberto Gatto, Stefano Di Battista, Chet Baker, Kenny Clark, Gary Bartz, Bob Sheppard ed altri; Marcello di Leonardo, batterista pescarese, che ha lavorato, per citarne alcuni, con Danilo Rea, Rita Marcotulli, Enzo Pietropaoli, Battista Lena e Enrico Pierannunzi.Conosciuto dal grande pubblico per aver collaborato con Renato Zero, Tullio De Piscopo, Carlo Marrale (Matia Bazar) e soprattutto, con Mina e Massimiliano Pani e per aver partecipato a diverse trasmissioni televisive accompagnando artisti come Joe Cocker, Paul Young, Sam Moore, ed altri.Noto agli appassionati per i suoi dischi, per le sue collaborazioni e jam-sessions con grandi jazzisti come: Chick Corea, Sam Rivers, Jack De Johnette, Mark Murphy, Delmar Brown, Cameron Brown, Billy Hart, Charles Tolliver, Jimmy Owens, Ursula Kukjack, Tony Scott, Enrico Rava e Franco Ambrosetti, ambedue presenti nel suo album del 1992 "Kitcken Blues" realizzato con la partecipazione di altri importanti musicisti italiani come Alfredo Golino, Patrizio Fariselli (Area), Antonio Faraò, Christian Meyer, Demo Morselli, Massimo Colombo e Paolino Dalla Porta.
Per chi non c'era, alleghiamo un breve filmato della serata.

 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.