Menu Principale

Votaci nella top 100

Oggi tutti a Santa Marlonghe...tempo permettendo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
23 aprile 2019 S.Giorgio
a_madonna_allunghe-2
A differenza di tutte le altre località italiane a S.Giacomo e a Termoli la Pasquetta si festeggia il martedì dopo Pasqua nella chiesetta di S.Maria della Vittoria (a' Madonn'a llunghe per i termolesi, Santa Marlonghe per i sangiacomesi).
La tradizione è antichissima e di questo ne parla anche il frate Serafino Razzi domenicano ed abile predicatore che undici anni dopo lo sbarco a Termoli del 1566 di Pialì Pascià le cui truppe distrussero ed incendiarono il piccolo santuario costruito nel 1545 dai Padri Cappuccini così descrive la festa popolare alla quale assistette appena 11 anni dopo il terribile attacco turco che aveva devastato il Borgo Antico di Termoli:
“Alli 9 d’aprile 1577, terzo giorno di Pasqua, andai a predicare alla sopradetta chiesa di Santa Maria di Valentino, altrimenti detta Santa Maria longa ove ciasched’un anno in cotal dì concorre assai popolo, non solamente di Termoli, ma ancora d’altre terre vicine. Viene in particolare milizia di Termoli, cò tamburo, bandiere, et ordinanza militare. E poscia nel ritorno combattono la città dalla parte di terra, c ‘ò assai piacevole spettacolo: difendendola di dentro da un’altra mano di giovani in habito turchesco, c’ò insegna e tamburi dall ‘una parte e dall’altra. E finalmente dopo molte Ambascerie mandate innanzi e indietro: e dopo molte scaramucce fatte, et assalti dati, intorno a mezzodì la presero, senza però scandalo o danno alcuno. E si dee notar; come a detta    S. Maria di Valentino, edificata in un vago boschetto, dette le messe, e fatta la predica, quasi tutti fanno collazione dei cibi qui preparati, e portati, onde poi ritornando possono combattere la città nel modo predetto.”
Oggi di quei lontani avvenimenti rimane solo la scampagnata presso la chiesa della Madonn'a llunghe ogni martedì di Pasqua!

Vedi filmato con immagini della festa e con una poesia dedicata alla Madonna del poeta termolese Giuseppe Perrotta recitata dallo storico, pittore e poeta Carlo Cappella scomparso 10 anni fa.


 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.