Menu Principale

Votaci nella top 100

A tempo di record San Giacomo ha la nuova scuola antisismica Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
8 gennaio 2019 S.Massimo
Ieri mattina, in una giornata con cielo coperto e spruzzi di pioggia, è stato inaugurato il nuovo edificio scolastico. Da ieri i 55 gli alunni  di San Giacomo, dopo una serie di traversie dovute alla inagibilità del vecchio istituto scolastico costruito 50 anni fa senza la sicurezza antisismica e che avevano visto gli alunni passare dai containers alle strette aule ricavate in quello che doveva essere un centro per anziani, finalmente avranno una sede degna e ultramoderna, uno dei pochi plessi scolastici antisismici presenti in regione costruito secondo le ultime prescrizioni di sicurezza emanate nel 2018.
Dopo la benedizione dell'edificio ad opera di don Banito Giorgetta che per l'occasione ha sostituito il nostro parroco don Alessandro Sticca assente per motivi di salute, al taglio del nastro  hanno preso parte, oltre al nostro sindaco Costanzo Della Porta, l’assessore “senza delega” Vincenzo Niro, il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Pallante e i consiglieri Romagnolo e Cefaratti.
La sala del nuovo istituto era completamente piena di tanti cittadini sangiacomesi intervenuti per un'occasione così importante per il paese. Presente tutto il corpo insegnante e tutti gli alunni dell'asilo e della scuola primaria che, con un bellissimo canto, hanno allietato l'importante evento che li ha visti attori principali di quella che da ieri è diventata la loro nuova "casa".
Dopo i numerosi ringraziamenti da parte del sindaco a tutte le autorità regionali, comunali, scolastiche, all'impresa appaltatrice De Curtis di Guglionesi che in tempo record ha realizzato l'edificio e ai cittadini che hanno dato il loro contributo per una rapida soluzione di questo grave problema che stava assottigliando sempre di più la popolazione scolastica del paese in quanto parecchi genitori avevano preferito spostare i loro figli nelle scuole di Termoli, il sindaco ha concluso affermando che sicuramente il numero degli alunni sarà destinato a crescere, perché nelle intenzioni della sua amministrazione c’è la volontà, dopo un ampliamento e nuovi lavori, di trasferire nell’edificio di Corso Umberto, anche gli studenti delle scuole medie.
Guardiamo il filmino qui sotto che mostra una sintesi di questa storica giornata

 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.