Menu Principale

Votaci nella top 100

Presentazione a Guardialfiera dell’“Elogio alla lettera scritta a mano” di F. D’’Episcopo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
29 ottobre 2017 S.Michele Rua

A conclusione della Mostra Nazionale di Calligrafia. Domani 30 ottobre, anniversario della nascita di F. Jovine,
Presentazione a Guardialfiera dell’“Elogio alla lettera scritta a mano” di F. D’’Episcopo
Ricomposizione inquietante di vita nelle lettere di famiglia esibite da Vincenzo Bucci

A coronamento della Mostra Nazionale di Calligrafia tenuta in estate nel fastoso Palazzo Loreto, lunedì 30 ottobre il Prof. Francesco D’Episcopo – critico letterario – convoca a Guardialfiera, con la innata signorilità e con questa sua intuizione  “gli amici, i cuori della gente e di chi vuole veramente bene”.
Li accoglie alle 17,30 nella Sala Gerardi Conedera con un gradevole ed amicale confabulare. Vuol esporre loro l’ultimo suo lavoro: “Elogio della lettera scritta a mano”, un tascabile da lui ideato ed elaborato e pubblicato dalle Edizioni Helicon, intenzionalmente per motivare ed adornale l’eccezionalità della circostanza. Egli desidera sfiorare anche l’eclatanza  di manoscritti e lettere, appena esibite da Vincenzo Ulisse Bucci: autentiche reliquie per la famiglie e per la scrittura a mano dell’altro secolo. Storia, psicologia e sociologia intrecciata fra due continenti, attraverso un
vergare a mano di familiari, i cui nomi, pittorescamente, per gli uomini dovevano appartenere a mitici e grandi eroi: Ulisse, Adelchi, Ferruccio, Edmondo (d’Antes). E per le donne a nomi di fiori: Dalia, Violetta, Adalgisa (= Edelweiss: stella alpina).
Ho letto con tremore e pianto la dichiarazione d’amore di Adelchi Bucci a Giuseppina di Sabato, quand’egli era militare nel 2° conflitto mondiale. L’ultima corrispondenza di Giuseppina ad Adelchi, ritrovata nel suo portafogli dopo la caduta nel bombardamento aereo di Foggia del 23 luglio 1943 e l’inquietante risposta di Adelchi a Giuseppina, quand’era in attesa del secondogenito. La lettera giungerà a Guardialfiera a qualche mese dalla morte di Adelchi.
Lunedì 30 ottobre ricorre anche l’anniversario della nascita di Francesco Jovine, motivo di commemorazione da parte di D’Episcopo, il più grande studioso ed estimatore vivente del cantore di Guardialfiera e del Mezzogiorno d’Italia.
Sotto il video della Mostra sulla Calligrafia illustrata da Vincenzo Di Sabato
 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.