Menu Principale

Votaci nella top 100

Comitato feste patronali....cercasi Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
30 novembre 2010 S.Andrea
comitato_feste-icoCome molti di voi lettori già sapranno i "magnifici sei" che in questi ultimi cinque anni si sono occupati dell'organizzazione della festa patronale,si sono dimessi a fine agosto scorso.  Ecco quanto gli amici del comitato ci scrissero dopo la diffusione di questa notizia: "Non  nascondiamo che la nostra non è stata una facile decisione, purtroppo però gli impegni sono tanti e non sempre è possibile conciliare gli impegni quotidiani e, soprattutto familiari, con gli obblighi che vengono a crearsi con l'organizzazione della festa.Ci auguriamo che ci siano persone che hanno a cuore il nostro Paese e con esso la nostra Comunità e che vorranno cimentarsi in una esperienza che, pur se stancante, è gratificante. Avendo raggiunto lo scopo dell’organizzazione delle manifestazioni per complessivi cinque anni, i sottoscritti Amicone Carlo, Bucci Rino, D’Aloè Giovanni, Laccertosa Gianni, Marcantonio Pasquale e Miccoli Italo, ringraziano: il Parroco, Don Timoteo, il Sindaco, Antonio Galasso, l’Amministrazione Comunale, e soprattutto i Cittadini e le Aziende che hanno reso possibile l’organizzazione delle manifestazioni e comunicano le dimissioni da membri del Comitato Feste Patronali. Lasciano, a disposizione dei futuri membri del Comitato, il saldo di €1.325,76, l’utilizzo di n.170 sedie in plastica, di n.1 bilancia elettronica, n.2 gazebo e, se gradita, la propria esperienza." A seguito di quanto sopra il parroco don Timoteo ha affisso in chiesa il seguente messaggio per verificare se altre persone volessero proseguire l'opera di questi nostri compaesani che in questi ultimi cinque anni ci hanno regalato delle feste che forse resteranno nella storia del nostro paese tra quelle più belle finora realizzate.
Comunicato di don Timoteo:
Dal comunicato del Comitato Feste Patronali del 24/08/2010:
Avendo raggiunto lo scopo dell’organizzazione per complessivi cinque anni...si comunicano le dimissioni da membri del Comitato Feste Patronali.”Questi cinque anni sono stati vissuti insieme, all'insegna del rispetto, della chiarezza e della verità: questo per evitare ogni inutile polemica o maldicenza.
Se ci sono persone che intendono continuare l'esperienza di questi cinque anni, si armino di fede, buona volontà e si facciano avanti.Non ricevendo disponibilità entro il mese di Gennaio 2011, chiedo se le feste patronali dell’8 (S. Domenico) e del 9 (S. Teresa Benedetta della Croce) Agosto debbano continuare solo religiosamente, oppure riportarle alle date stabilite dalla Chiesa in base alla storia dei nostri patroni:
• S. Antonio : 13 giugno 1231 (data della morte)
• S. Giacomo : 25 Luglio 44 d.C. (decapitazione)
Le feste liturgiche costano alla comunità un po' di preghiera e di partecipazione in più.Meno spese, più solidarietà. per acquisire maggiore sensibilità verso i più poveri: si possono salvare da morte per dissenteria, malaria, polmonite, lebbra, cecità, fame, sete... milioni di bambini.La gioia festiva dei cristiani deve diventare condivisione con chi e oppresso dall’ingiustizia e giunga là dove dilagano povertà e sofferenza.Orchestrine, bande, fuochi d'artificio, luminarie". non sempre liberano dall’ignoranza, dalla superstizione, dalle divisioni, dalle mormorazioni e da altri atteggiamenti nocivi alla formazione cristiana.Riproporre, invece, un clima di fraternità e di gioia in cui vengano valorizzati impegno, cultura e capacita presenti in paese.Aggiorniamo il nostro cammino: non difendiamo come fede realtà puramente umane. .
Apriamoci al dialogo per superare ogni forma di incomunicabilità e di chiusura."
Ci auguriamo che persone volenterose ed amanti delle tradizioni del nostro paese che abbiamo ereditato dai nostri padri e dai nostri nonni vogliano proseguire l'opera dei "magnifici sei" ai quali va il ringraziamento di tutti noi.
Se qualcuno decide di farsi avanti, può contattare o don Timoteo o scriverci all'indirizzo di cui sotto e noi provvederemo a dare il nominativo al parroco:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Per lasciare un commento a questo articolo devi essere registrato al sito.