Menu Principale

Votaci nella top 100

San Giacomo degli Schiavoni
Guardiamo insieme questo bel filmato Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
9 aprile 2017 Domenica delle Palme
Per tutti gli appassionati di archeologia e ufologia vi proponiamo oggi un filmato girato qualche settimana fa durante una conferenza tenutasi a Termoli.
Il tema era
Eso-Archeologia (Archeologia Spaziale) - "Da Marte, ai Sumeri agli antichi Egizi" 
presentazione a cura di Oscar De Lena presidente Archeoclub; relatori Angelo Carannante ( presidente Centro Ufologico del Mediterraneo) - Ennio Piccaluga ( giornalista e scrittore ).
Buona visione
 
Oggi e domani a Guglionesi, la Festa del Cuore Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
18 agosto 2011 S.Elena
festa_del_cuore-icoL’associazione politico-culturale ”Guglionesi nel Cuore” promuove la "Festa del Cuore"
COMUNICATO STAMPA
L’Associazione “Guglionesi nel Cuore”, grazie all’attivarsi di tanti amici, è lieta di comunicare che nei giorni di giovedì 18 e venerdì 19  organizza la FESTA DEL CUORE.
Sono previsti
•    momenti musicali: due cover, di Vasco Rossi e di Ligabue; musica per ballare con un Dj professionale;
•    degustazione di piatti della tradizione guglionesana preparati da cuochi professionali;
•    esposizione in stand di prodotti locali;
•    attrazioni per i bambini.
per ulteriori informazioni, clicca sull'icona di sx
Il presidente pro-tempore dell’Associazione
Antonio Lucarelli
 
Nuovo vescovo a Guardialfiera Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
30 gennaio 2016 S.Martina
nuovo_vescovo_guardialfieraLa titolarità episcopale di Guardialfiera, vacante dal 14 ottobre 2015 a seguito del trasferimento di mons.Pablo Virgilio David alla Sede residenziale di Kalookan, da oggi ha un nuovo Vescovo. Si tratta di S.E. mons. Adilson Pedro Busin. Cinquantenne, brasiliano, Ausiliare di Porto Alegre, appartiene alla Congregazione Religiosa italiana  degli "Scalabrini", conosciuti nel mondo dal loro motto evangelico "ero straniero e mi avete ospitato". E Guardialfiera l'ospiterà
solennemente, durante l'Anno Santo della Misericordia, dopo il suo incontro in Vaticano che il Pontefice riserverà presto a tutti i nuovi Vescovi eletti.
Messaggi augurali sono stati inviati al nuovo Presule dal Parroco di Guardialfiera, dal Sindaco e da tutta la Comunità Ecclesiale.
dal nostro corrispondente: Vincenzo Di Sabato
 
Musica live questa sera al Bobby's Bar Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
24 ottobre 2015
Bobbis-bar-icoQuesta sera, sabato 24 ottobre saranno ospiti al Bobby's Live Bar di San Giacomo degli Schiavoni i VOINA HEN, band indie/alternative rock da Lanciano.
Presenteranno il loro ultimo disco "Noi non siamo infinito", registrato al Natural Head Quarter di Ferrara, diretto artisticamente da Manuele "Max Stirner" Fusaroli (Luci della centrale elettrica, Zen Circus, Nada, Nobraino, Management del Dolore Post-Operatorio, ecc.) e Marco Di Nardo "Diniz" (Management del Dolore Post-Operatorio) e pubblicato proprio in questi giorni sotto la Maciste Dischi.
Dicono di loro: "Sono figli della crisi, ragazzi indipendenti che vivono sulle spalle dei genitori. Non c’è alcuna buona intenzione nelle parole dei Voina Hen. Nessuna cantilena morale, nessun disgustoso insegnamento. È solo una gara per vedere chi sputa più lontano. Una rabbia inutile e cieca, come sempre dovrebbe essere."
Chi dice che il Molise non esiste deve fare i conti con i Sonic Flowers.
A fare da spalla ai Voina Hen, ci sarà infatti la band di Montenero di Bisaccia, nata nel 2011, con un EP e un disco pubblicati tra 2012 e 2015 e con tanti consensi ricevuti da critica e pubblico.
Tornano dopo più di un anno al Bobby's, per proporci i brani tratti dal loro ultimo disco "Tana libera tutti".

Info evento:
https://www.facebook.com/events/1477529879221345/

VOINA HEN
www.voinahen.com
https://www.facebook.com/voina.hen
Video "CALMA APPARENTE":
https://www.youtube.com/watch?v=YAYkbVIGhRw

SONIC FLOWERS
https://www.facebook.com/Sonic-Flowers-195897570468984
http://www.rockit.it/recensione/29829/sonicflowers-tana-libera-tutti
https://www.youtube.com/watch?v=TTEstWE7Rnw

BOBBY'S LIVE BAR
www.bobbyslivebar.it
www.facebook.com/bobbyslivebar
 
Verso la 28^ Giornata Mondiale della Poesia a Guardialfiera Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
9 febbraio 2016 S.Apollonia

Porta_Santa_di_Guardialfiera-r

Il tema, per il 2 ottobre, legato all’Anno Santo Straordinario della Misericordia S. Leone IX Papa, nell’Anno 1053, dalla Terra Molisana, elargisce al Mondo,
l’Indulgenza Plenaria sine tempore ed apre a Guardialfiera la prima “Porta Santa” della cristianità
Il Molise ha qualcosa d’importante da dire al mondo; per cui la prosa non basta. Più adeguato sarebbe usare un cocktail di parole, quasi in musica: plasmare un “pensiero” in poesia con cui svelare i segreti più segreti e le vicende più avvincenti dell’umanità. Evocare e celebrare nell’anno della Misericordia, l’incredibilità di un atto misericordioso, ravvolto ancora di freschezza, avvenuto “apud Biphernum flumen ed a ciò che, lì vicino, in “Catrum Guardiae”,  Papa Leone IX (Brunone dei Conti di Dagburg) ebbe a “combinare” nell’Anno Domini 1053.
In una ridda di emozioni e nel brivido della riconquistata pace interiore, egli s’inventa ed elargisce da Guardialfiera un modello sconosciuto di grazia. Concede  la prima forma nella storia, di Indulgenza Plenaria sine tempore. Riapre qui il cuore di Dio alla Misericordia, 257 anni prima del Grande Giubileo romano di Bonifacio VIII.
Tedesco cinquantaduenne, s’incammina da Roma in direzione della  Capitanata per concordare sul Fortore un patto di fides reciproca con i Bizantini e cercare un’intesa capace di contrastare l’avanzata dei Normanni verso lo Stato Pontificio. Ma lungo il tragitto è ignorato, ripulso, umiliato da popolani spauriti, appartenenti a Contee Longobarde in zuffe fra loro. E’ giugno, passa  quaggiù, e trova che, le acque rovinose del Biferno in piena, inghiottiscono il Ponte di Annibale e gli precludono l’avanzata alla volta della Daunia. Ma dal fiume, come un miraggio, il Pontefice intravede sul crinale della collina, una rocca ed un pugno di case e, all’istante, scala con il cavallo i dirupi scivolosi. Giunge col codazzo alla testarda Guardialfiera che, finalmente, lo risana. Dal Conte Adalpherio, dal Clero da un popolo incredulo e festante, Leone IX ripercepisce la tenerezza umana. E’ rifocillato, è vivificato, accolto con gli onori dovuti al Vicario di Cristo
Come ripagare, a tal punto, questo  squarcio di coraggio e di luce così risolutamente donato? Il Papa, estroso, escogita il beneficio della Indulgenza Plenaria Perpetua, ed apre a Guardialfiera la prima  Porta Santa della cristianità.
E’ questa, in sintesi,  l’intricata avventura  riconosciuta anche da  Papa Francesco, per la quale il 5 luglio 2014 da Campobasso, non esita a definire il Molise “Terra di Misericordia e di Perdono”. Ma è questo anche luogo di armonia e di poesia. Perché dal Lido di Venezia, Domenico Simi de’ Burgis, l’ideatore della “Giornata Mondiale della Poesia”, pone a Guardialfiera, già Capitale del Parco Letterario, la Sede ufficiale per il raduno di poeti e per l’apoteosi alla Poesia, mitizzata ogni anno il 2 ottobre
Dimodocché  in occasione della “28^ Giornata Mondiale", l’Associazione Internazionale “Poesia 2 ottobre” di Venezia, il Centro Studi di Guardialfiera ed il Centro Culturale Studi Storici di Eboli, propongono ai Poeti la possibilità di fondere il duplice aspetto in unica seduzione: riporre cioè nel Canto delle Muse, il valore della Misericordia che è il più stupendo di tutti gli attributi di Dio. E’ infatti altruismo, è cammino, è caduta, solidarietà, accoglienza; è sapienza, pietà, incontro. Ma è pervertimento quando - all’opposto - si tramuta in oltraggi, in forme di ingiustizia e di violenza; in sopraffazione dell’uomo sull’uomo; in malvagità verso vittime innocenti.
Con il cuore in groppa, tanti poeti potranno riconoscere, perciò, la faccia dell’umanità e dire quest’anno cose belle al mondo. Attraverseranno, con trame ispirate, Porte Sante di poveri, di malati di vecchi, di sofferenti. Per guardarli, ascoltarli ad un millimetro di viso, di occhi, di voce. E, scorgendone la sintesi di tutto il Vangelo, riusciranno a  farci esclamare quel “quando mai, Signore, ti abbiamo visto affamato, assetato, nudo…?”  (Mt. 23, 36). Palpitazioni eterne avvertite, anche in forme pagane, e cantate già nei secoli lontani; già dalla lirica ellenistica drammatica ed epica, già da cantori agnostici o di ogni fede, fino a sacerdoti dell’ateismo contemporaneo, fino alla fortezza ed alla profezia di Alda Merini o alla distesa patria dell’anima di David M. Turoldo.
Perciò da oggi è rivolto l’invito agli ostinati amanti delle Muse a volerci trasmettere i lavori – in dialetto o in lingua – entro il 31 luglio 2016. E’ possibile inviarli in forma cartacea al Centro Studi Molise, Corso Umberto 86030 Guardialfiera o per e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e, indifferentemente, anche al Centro Culturale Studi Storici, Via don Paolo Vacca,   84025 Eboli ; o e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .
La Cerimonia – da quest’anno più agile e attraente – resta fissata al 2 ottobre ed è armonizzata anche da  graziosa expo in Sala, di liriche pervenute entro i termini. Resta la possibilità di affiancare la poesia con la mostra consueta d’arte sulla galleria del palchetto. Sarà creata inoltre l’opportunità di lucrare l’Indulgenza Giubilare, valicando la “Porta Santa” della “Casa Famiglia”, laddove la fede ogni giorno si traduce in opere d’amore.
vincenzo di sabato
 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>

Pagina 102 di 745