Menu Principale

Votaci nella top 100

San Giacomo degli Schiavoni
Sospensione flusso idrico Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
18 agosto 2017
Nota informativa del Comune di San Giacomo degli Schiavoni - www.comune.sangiacomo.cb.it

Avviso sospensione flusso idrico

SI AVVISA LA CITTADINANZA CHE A CAUSA DI UNA RIPARAZIONE SULLE CONDUTTURE COMUNALI, IL FLUSSO IDRICO E SOSPESO. LA FORNITURA SARA RIPRISTINATA IN SERATA.
 
Dal presidente Borghi d'Eccellenza del Molise Maurizio Varriano riceviamo e pubblichiamo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
11 dicembre 2017 S.Damaso
borghi-eccellenza-logo"Agnone vince la sfida, il Campionato Italiano di Pasticceria presso l'Alberghiero di Termoli fa cappotto, il Molise della tradizione spopola fuori regione, Roccaraso apre gli impianti più innovativi d'Italia e d'Europa e, nel contesto c'è molto Molise, Edoardo Siravo, attore molisano, viene dichiarato , migliore voce narrante d'Italia, Stefano Sabelli mette in campo una eccellente stagione teatrale in un piccolo borgo molisano quale Ferrazzano e fa il pienone tutte le sere, la moda Molisana torna ad essere protagonista, Marinelli Fonderia ci regala sempre più soddisfazioni fuori regione, la pasticceria Labbate Mazziotta vince, fuori regione, con il miglior panettone d'Italia, Montorio nei Frentani che ha fatto conoscere le ns bellezze alle migliaia di intervenuti al Campionato del Mondo di organetto e Fisarmonica diatonica, le Carresi, il Festival della Zampogna, il Presepe di San Polo Matese.................. Il Molise che funziona esiste eccome........ Sé la politica avesse meno presopopea di essere il freno a mano della ns regione, investendo in progetti validi e non in sagrette e contributi per manifestazioni che lasciano spazio ad improvvisazione, sé avesse pensato ad un osservatorio ad uno staff per la programmazione ed investimenti, come la Puglia ultimamente ha messo in campo con investimenti pari a 400.000.000 di euro ed agenzie, come l'Abruzzo che ha investito su Roccaraso e l'intera piana delle 5 miglia, ha investito sulla coste non lasciando le aree interne con progetti consapevoli e di lungo respiro, come l'Umbria e le Marche, che hanno investito nel turismo archeologico, nei cammini " veri ", nel turismo religioso e convegnistico, forse avremmo potuto dire la nostra e non sperare che gli altri al di fuori del Molise ci facciano da traino con conseguenze di comprimarietà. Questo è l'augurio per il futuro prossimo ed il monito di chi andrà a sedersi sugli scranni regionali che hanno un futuro di tutto rispetto per chi andrà ad occuparli........ Matera
2019, è vicina come è vicino il 2020............ INNAMORATI DEL MOLISE ci chiede questo e questo la politica è OBBLIGATA a metterlo in campo. Anni di parole e di promesse che hanno portato Termoli a perdere posti letto, Campitello a perdere i fasti di una stazione climatica, sciistica e non solo, che nei tempi passati è stata alla ribalta nazionale ed Europea ed oggi vive il magone
dell'isolamento e della volontà di pochi nel non farla morire, le aree interne praticamente fuori da ogni circuito turistico/culturale, Campobasso ex Città Giardino ridotta ad una città di periferia senza anima e senza contenuti, Isernia che anche di giorno mostra ombre notturne senza vita. Il Molise è una delle regioni più belle al Mondo, territorio vasto nelle diversità ed unico nelle tradizioni, unico nelle eccellenze enogastronomiche ed acoglienza........... Che sia Vita e non morte.......... Ridiamo
vita ad uno slogan e, sé serve, lottiamo contro la politica del Nulla e del tirare a campare , urliamo #orgogliosamentemolisani.....

Forse riusciremo a Vincere anche contro i Mulini a Vento......"
 
Domenica 10 gennaio: Concerto di mandolini a Termoli Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
9 gennaio 2016 S.Giuliano
MandolinoDomani, domenica10 gennaio a Termoli "Serenata a mare" con l’Orchestra a plettro ’P. Mascagni’ diretta da Antonio Di Lauro.
Il Circolo Musicale "P. Mascagni" nasce nel 1980 dalla passione di alcuni musicisti per gli strumenti cosiddetti "a plettro", per godere di musica tipicamente riprodotta da mandolini e chitarre.
Tale genere di musica ha radici antiche nella nostra cultura musicale in quanto il mandolino è stato importato nel nostro paese, rinomato sin dalla seconda metà del 1600 per la realizzazione artigianale di funi, dai commercianti che, provenienti dalla Terra di Lavoro, si recavano a Ripalimosani per vendere la materia prima, la canapa, ai nostri funai.
Una volta, la musica si tramandava di maestro in allievo nelle botteghe degli artigiani. Si, degli artigiani. Perché a Ripalimosani se volevi imparare a suonare il mandolino o la chitarra dovevi andare al "SALONE" o in qualche altra bottega. Erano gli artigiani i depositari della tecnica e della tradizione, ad introdurti alle note e al ritmo. Le mani di un contadino non avrebbero mai potuto essere così abili..!
 
Risultati delle primarie del PD a S.Giacomo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
5 settembre 2011

primarie_PD

Ed ecco i risultati delle votazioni tenutesi ieri a S.Giacomo sulle primarie indette dal PD:
- D'Ascanio : 4 voti
- D'Ambrosio: 4 voti
- Romano: 10 voti
- Petraroia: 23 voti
- Frattura: 33 voti
 
Giubileo Straordinario della Misericordia a Guardialfiera Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
24 agosto 2016
ottantenni_di_guardialfiera
Giubileo Straordinario della Misericordia
gli ottuagenari a Guardialfiera, coetanei del Papa,
lucrano nella Porta Santa della “Casa Famiglia”, l’Indulgenza Plenaria

L’altro nome dell’anima è la Misericordia, è l’architrave della vita e lo straripamento della dottrina e del messaggio di Papa Francesco.
Lo ha raccolto a Guardialfiera Padre Giovanni Murazzo, Missionario Saveriano in Brasile, ottantenne, che ha celebrato il Giubileo Straordinario della Misericordia, con gli ottuagenari guardiesi, “i coetanei del Papa”.
“80voglia di amare, di perdonare, di sperare”…ancora a questa età”, ha esclamato il religioso alla flotta dei suoi coscritti, innamorati di futuro e lanciati nel fututo con il fascino d’una fede caparbia, tenace, quella che rende credibile oggi il loro servizio alla vita.
Si son radunati, cosi, appagati e gioiosi davanti a Dio ad adorarlo, ringraziarlo, implorarlo nella chiesetta di San Giuseppe, in un’affascinante e coinvolta liturgia Eucaristica. Toccante è stato il breve scrutare in preghiera, del misterioso disegno di Dio, il quale ha chiamato a sé in Paradiso, numerosi bimbi nati nel 1936, i quali hanno appena sfiorato il destino del mondo.
Poi, ad uno ad uno, sono stati chiamati “altri coetanei nostri (ha sussurrato il lettore) che ci hanno preceduti con il segno della fede e dormono il sonno della pace”.
Al “Post-Comunio”, è elevato “l’Inno della gratitudine”, durante il quale i diversamente giovani, riconoscono in Dio la vetta lucente verso cui si arrampicano in questa loro definitiva scalata umana.A conclusione della Messa, Padre Giovanni, conduce l’assemblea in processione verso la “Porta Santa” nella Casa Famiglia San Giuseppe, per il lucro della Indulgenza Plenaria. Giunto sulla soglia, chiede al Signore il dono di poter un giorno attraversare anche la porta del suo Paradiso, e cantare per lì, per l’eternità le suo lodi e godere l’eredità eterna del suo regno.
dal nostro corrispondente da Guardialfiera
Vincenzo Di Sabato
 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>

Pagina 107 di 816