Menu Principale

Votaci nella top 100

San Giacomo degli Schiavoni
Contributo per la borsa di studio nella scuola dell’obbligo e nella scuola secondaria superiore Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
15 aprile 2011 S.Annibale
borsa-di-studio-icoNota informativa del Comune di San Giacomo degli Schiavoni - www.comune.sangiacomo.cb.it
BORSA DI STUDIO 2010 - 2011
IL SINDACO AVVISA
Le famiglie degli alunni che vogliono usufruire del contributo per la borsa di studio nella scuola dell’obbligo e nella scuola secondaria superiore per l’anno scolastico 2010 – 2011 devono produrre all’Ente istanza di domanda entro il 10 maggio 2011, ( l’ ISEE - riferito all’anno 2009 – non deve superare € 15.949,40 ). Il modulo di richiesta è disponibile presso
l’ufficio di cittadinanza del Comune dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 14.00, o scaricabile da questo link.

http://www.comune.sangiacomo.cb.it/materiale/borsastudio2010.pdf

 
Via la campagna per far posto alla New Town. Magheggi e conflitti della mega-lottizzazione Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
15 aprile 2011 S.Annibale
estratto dal sito Primonumero di ieri
lottizzazione-icoIl Consiglio comunale di San Giacomo approva un progetto da 64mila metri cubi di cemento nell’unico polmone verde del territorio – finora destinato all’agricoltura – a 3 chilometri dal paese al confine con Termoli. I proprietari del terreno sono l’ingegnere Graziano Ceccarelli, candidato sindaco alle amministrative di maggio, e Michelantonio Perrotta, responsabile dell’Ufficio Tecnico comunale, che nel 2005 ha acquistato quei sette ettari a un’asta fallimentare. Oggi quel pezzo di campagna è una miniera d’oro grazie a un colpo di mano della maggioranza. Ma la delibera ha spaccato il paese, sollevando lo sdegno degli altri due candidati, che stanno valutando l’ipotesi di ricorrere al Tar.
di Michele Mignogna, Monica Vignale


San Giacomo degli Schiavoni. Sono quasi sette ettari, per ora coltivati a grano e oliveti. Un pezzo di campagna che in questi giorni è di un verde splendente, colore del mare tropicale dalle mille sfumature, addobbato di erba selvatica: un colpo d’occhio indimenticabile affacciato su Termoli e l’Adriatico, che nelle giornate terse regala anche la visione delle isole Tremiti. Eppure quella zona, «unico polmone verde che c’è rimasto», come lo definiscono i cittadini di San Giacomo, sta per cambiare radicalmente fisionomia. E vocazione: il terreno è passato da agricolo a edificabile con un colpo di mano della maggioranza capeggiata dal sindaco Antonio Galasso. Il Consiglio del piccolo comune basso molisano ha approvato, giusto in tempo prima di passare il testimone alla nuova amministrazione (si vota a maggio) una delibera che superando il doppio vincolo, quello di fabbricabilità e quello paesaggistico, spalanca la porta alla più grande lottizzazione della storia urbanistica di San Giacomo degli Schiavoni. Ma anche a una delle più grandi della storia della vicina Termoli, visto che il complesso residenziale che sorgerà è una vera New Town: palazzine di edilizia convenzionata per settecento persone. Una colata di cemento da 64mila metri cubi.
Un’altra città, in pratica, al confine con Termoli.
Ma la San Giacomo 2, come ironicamente l’hanno bollata gli avversari, che alla delibera sblocca-cemento hanno votato no, contiene altre sorprese. A cominciare dal nome dei proprietari di quel terreno che fino a ieri valeva qualche decina di migliaia di euro e che adesso, grazie alla “magia” operata dal Consiglio, vale svariati milioni di euro. I titolari della società “Borgo Srl”, società agricola, sono infatti, fra gli altri, Graziano Ceccarelli e Michelantonio Perrotta.
Il primo è il candidato alla carica di sindaco del Comune di San Giacomo degli Schiavoni, vicino all’attuale primo cittadino Galasso che non può presentarsi per la terza volta consecutiva e che ha deciso di passare la mano proprio all’ingegnere termolese da qualche tempo trapiantato a San Giacomo, per il quale ha già curato, incassando le relative parcelle, diversi progetti di riqualificazione.
Il secondo è il responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale. Perrotta, che deve possedere un fiuto per gli affari da fare invidia a Silvio Berlusconi, ha acquistato quei circa sette ettari a un’asta fallimentare nel 2005 e sempre nel 2005 ha creato la società “Borgo” con l’ingegner Ceccarelli e l’architetto Traini. La delibera con la quale si dà il via libera al progetto porta la sua certificazione, in qualità di responsabile del servizio, e contestualmente gli regala una incredibile opportunità in qualità di co-proprietario del terreno. Ce n’è abbastanza per insospettire qualche cane da fiuto a Palazzo di Giustizia, e infatti proprio in queste ore, alla vigilia delle presentazione ufficiale delle liste per le Comunali del 15 e 16 maggio, si stanno valutando esposti sia in sede penale che davanti ai giudici del Tar.Ma andiamo con ordine, per provare a raccontare questa vicenda talmente sfrontata da rasentare l’incredibile. E’ il 29 marzo 2011 e il Consiglio comunale di San Giacomo si riunisce, insolitamente, al mattino. All’ordine del giorno i loculi cimiteriali e un bel po’ di variazioni urbanistiche collegate alla legge regionale n. 30, ovvero il Piano Casa. C’è una variazione del vincolo e ci sono, da discutere e mettere ai voti, tre programmi costruttivi di edilizia sociale. Uno è della ditta Filippo Ricciuti, uno di Gianfranco Galasso (che peraltro è assessore a San Giacomo) e infine il terzo della società “Borgo”. I primi due sono piccoli, il terzo invece è gigantesco, come dimostrano le tavole srotolate dall’amministratore della società Basso Radatti davanti a un’assise spaccata, fin dall’inizio, tra favorevoli e contrari.
«Ma perché proprio noi dobbiamo approvare ‘sta roba?» domanda un consigliere di opposizione. «Non si poteva aspettare che s’insediasse la nuova Amministrazione? Manca poco…». Non si poteva, no. E il perché è presto detto: quel terreno, che diventa edificabile grazie alla delibera n. 6, è di Graziano Ceccarelli, candidato alla fascia tricolore. Ve l’immaginate un sindaco che approva una mega lottizzazione su un terreno di sua proprietà? La legge – oltre che il buon senso – lo vieta. Dunque l’onere di autorizzare la colata di cemento che ospiterà settecento persone se lo sobbarca il sindaco in scadenza Galasso. E lo fa l’ultimo giorno utile per approvare argomenti in regime di consigli comunali ordinari. Il 29 marzo, appunto. Come? Superando un duplice vincolo con due atti amministrativi diversi.La zona in questione si trova a tre chilometri dal centro abitato andando verso Termoli, e secondo il vecchio regolamento comunale non può essere edificata. Il Piano Casa, pur con le sue larghe maglie, funziona infatti solo per le costruzioni entro un raggio di un chilometro dai centri abitati. Ma la delibera approvata dal Consiglio il 29 marzo sposta a tre chilometri il perimetro interessato da variazioni urbanistiche. Morale: ora anche il terreno del "Borgo" rientra in questa opzione. Non che i residenti siano contenti. «San Giacomo è già un quartiere dormitorio, si sta qua solo per dormire» racconta una signora che ha un’attività commerciale «Perché non si investe su nulla a parte le case. Così la gente va a Termoli per qualsiasi cosa». Che dirà quando al paese dormitorio si aggiungerà un’altra cittadina-dormitorio, ancora più vicina a Termoli? Sì, perché con l’approvazione del Piano Casa la società il Borgo srl con sede a San Giacomo e proprietaria dei circa sette ettari ha presentato al Comune un piano di fabbricazione per una vera e propria New Town a ridosso della cittadina adriatica, facendo così immaginare uno svuotamento ulteriore del piccolo centro.
La lottizzazione è approdata in Consiglio e passata con i voti della maggioranza, tranne quello del consigliere Costanzo Della Porta, che nella sua dichiarazione di voto ha evidenziato proprio questo paradosso: costruendo lì appartamenti e villette, oltre a distruggere per sempre l’ultimo paradiso del territorio, si incentiveranno i residenti a spostarsi ulteriormente verso Termoli, relegando San Giacomo a ghetto e favorendo lo spopolamento del centro del paese.
Eppure questo rischio non ha impedito al sindaco Antonio Galasso e ai consiglieri Miletto, Galasso, Benvenuto, Murazzo, Candeloro e Cristallo di alzare la mano sottoscrivendo il progetto (degli altri uno era assente, gli altri cinque hanno detto no) e facendo un regalo gigantesco a “Borgo srl”, capitale sociale di 15mila euro appena ma con due "amici" nella compagine societaria ai quali evidentemente non s’è potuto (o voluto) negare un piacere. E che piacere! Adesso Graziano Ceccarelli, incassato il parere positivo del Comune per il quale corre da primo cittadino (con in lista diversi esponenti dell’attuale maggioranza) può concentrarsi anima e cuore sulla campagna elettorale, e il socio Michelantonio Perrotta, nominato dal sindaco Galasso responsabile dell’ufficio tecnico comunale, può sostenerlo da dietro le quinte.
La loro società è stata fondata nel 2005, anno in cui dal fallimento di un Mascilongo, termolese, Perrotta acquista all’asta i 7 ettari di terreno ad un costo di poche decine di migliaia di euro. La grande occasione arriva quando il Governo nazionale guidato da Silvio Berlusconi elabora il Piano casa, recepito dalla Regione Molise, che di fatto nell’autunno 2009 rende possibili i sogni di aspiranti palazzinari con la legge n. 30. La società agricola (!) Borgo Srl capisce che è arrivato il momento per trasformare la terra in oro, e si rivolge al Comune di San Giacomo (il cui capo Ufficio Tecnico è uno dei tre soci) chiedendo la lottizzazione. Il Comune inizialmente gira la patata bollente alla Regione, ma perfino Michele Iorio non se la sente di stravolgere fino a quel punto l’assetto urbanistico di San Giacomo. «Su quella zona c’è il vincolo paesistico A2N2 – sottolinea la Regione in una nota - per cui tocca agli amministratori locali, sovrani sul territorio, decidere sull’argomento». E che fanno allora i sovrani di cui sopra? Affrettano i tempi per non ritrovarsi fuori orario massimo e regalano una super lottizzazione da 64mila metri cubi all’ingegnere candidato e al capufficio tecnico, che fra le altre cose è il consorte di Richetta D’Alleva, proprietaria della società
DR Multiservice che si occupa di verde pubblico sia a San Giacomo che a Termoli, dove ultimamente ha vinto l’appalto triennale per la gestione del verde.«L’unica speranza – sostiene Rino Bucci, candidato sindaco anche lui – è che si riesca a fare un ricorso al Tar». Ed è dello stesso avviso anche l’altro aspirante alla fascia tricolore, Attilio Galasso (nessuna parentela con il sindaco attuale), che medita di rivolgersi ai giudici amministrativi. Intanto però, con sette voti contro cinque, il sacco di San Giacomo è bell’e servito.
(Pubblicato il 14/04/2011)
 
Domani primo spettacolo del grande musical di Pinocchio Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
14 aprile 2011 S.Abbondio
Chi ben comincia è alla metà dell'opera
pinocchioIl grande musical di Pinocchio allestito dai ragazzi della Gioventù francescana con il coinvolgimento di giovani termolesi. Lo spettacolo, con musiche e liriche dei Pooh, si svolgerà il 15 aprile alle ore 15.30 e il 16 e 29 aprile alle 20.30 nella parrocchia di S.Francesco di Termoli. L’evento è patrocinato dall’assessorato comunale alla Cultura. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.musicalpinocchio.altervista.org. La manifestazione non è a scopo di lucro e l’eventuale ricavato sarà devoluto in opere di bene in particolare alle missioni in Etiopia delle suore Francescane Missionarie di Cristo.
La Gioventù Francescana (GiFra) di Termoli, coinvolgendo i ragazzi della cittadina ha allestito lo splendido musical PINOCCHIO con Liriche e Musiche dei Pooh!!! Lo spettacolo, che attualizza la famosa storia di Pinocchio, è soprattutto orientato ai giovani ed alla famiglia. E’ stato scelto perché è in grado di far riflettere sulla comunicazione in famiglia, sulla crescita dell’adolescente e sul rapporto “complicato” con il mondo che lo circonda, con i genitori, con i coetanei e con le regole. La manifestazione non è a scopo di lucro e l’eventuale ricavato sarà devoluto in opere di bene in particolare alle missioni in Etiopia delle suore Francescane Missionarie di Cristo.
 
Vincenzo Cervelli, musicista, poeta ...e direttore dell'Ufficio Postale di S.Giacomo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
13 aprile 2011 S.Martino
Chi al caso s'affida prende un cieco per guida
libro_Kaos_di_V.Trivelli-icoVincenzo Cervelli è soprattutto un artista poliedrico. Brani musicali, cd, concerti live. E ancora Kafka, Rimbaud, Velvet Underground, Nick Cave. C’è un po’ di tutto nella sua vita. Erano gli anni ’80 quando Cervelli debuttò con il suo gruppo, i Gibs Auf, nello storicissimo locale romano Folkstudio. Ora da alcuni anni lavora come direttore dell’Ufficio Postale di San Giacomo e continua a coltivare le sue passioni di sempre. Lo scorso anno la casa editrice Aletti pubblica la sua raccolta di poesie “Kaos”. Le sue passioni sono la musica e la poesia. Anche se è nato a Roma Vincenzo Cervelli vive ormai da diversi anni in Molise, a Petacciato.La musica lo ammalia, lo strega, fino a penetrare nei pensieri e nelle immagini del musicista e poeta che è in lui. Dalle note passa facilmente alla poesia. E’ un qualcosa di naturale, che avviene quasi senza accorgersene. Così i componimenti poetici di Cervelli finiscono per tradurre in versi la sua musica. Come dimostra quella "sillabica" composizione che allinea le parole come note in un pentagramma. Così, dalla musica rock “più classica” degli anni ’70 e ‘80, Cervelli approda a una “musicalità più rumorosa”. A tutto questo si aggiunge l’interesse per il mondo più prettamente letterario e della poesia.Dopo aver partecipato a diversi programmi televisivi di poesia e dopo aver pubblicato qualche brano, la casa editrice Aletti ha pubblicato lo scorso anno, nella sezione poeti emergenti, la sua raccolta di poesie intitolata “Kaos”. La raccolta è stata curata da Antonelli Siverini nella parte vignettistica della copertina e da Valentina Meola nel progetto grafico.
Insomma Vincenzo è un artista a tutto tondo e ci complimentiamo con lui per le belle poesie contenute nel suo ultimo libro Kaos che vi invitiamo a leggere.
 
Bando di gara per corso di formazione destinato al personale ausiliario del traffico Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
12 aprile 2011 S.Giulio
Chi capisce, patisce
ausiliario_del_trafficoNota informativa del Comune di San Giacomo degli Schiavoni - www.comune.sangiacomo.cb.it
AVVISO PUBBLICO - BANDO DI GARA
Si comunica che è stato pubblicato il bando di gara per l’ammissione a partecipare al corso di formazione destinato al personale ausiliario del traffico, consultabile sul link “Bandi e gare”. Il bando è finalizzato all’individuazione di n. 2 partecipanti al corso. La domanda di ammissione, il cui modello è pubblicato unitamente al bando, deve essere presentata al Comune di residenza entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 27/04/2011, in busta chiusa mediante raccomandata A/R o mediante consegna a mano all’Ufficio Protocollo del Comune stesso.
Per le modalità di selezione, valutazione e corretta presentazione della domanda di ammissione al corso, si rimanda alla lettura del bando pubblicato e consultabile da questo link.
http://www.studiok.it/comuni/sangiacomoschiavoni/albo/albo_lista.php?type=Bando&visual=bacheca&data=Tutti&ord=desc&stringa=
 
Attilio Galasso e Giancarlo Mancini fondamentali per la vittoria della Ryder Cup 2011 di Golf Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
11 aprile 2011 S.Stanislao
Cattivo bastone non fa buon cane
rayd_cup_9apr2011-icoGrazie al punto e mezzo acquisito dai due giocatori sangiacomesi Attilio Galasso e Giancarlo Mancini il trofeo della Ryder Cup 2011 di Golf disputatosi nel bellissimo campo di Miglianico (PE) è stato aggiudicato al team del Molise che, dopo le due giornate di gioco di venerdì 8 aprile e sabato 9, batte l'Abruzzo con il risultato finale di 7,5 punti contro 6,5.
Grande soddisfazione nel clan molisano composto in maggior parte da validissimi giocatori sangiacomesi e termolesi. La nostra redazione e i lettori del nostro sito si complimentano con i nostri compaesani Giancarlo Mancini, Arpino Giuliano e
Galasso Attilio che da anni frequentano i migliori campi italiani di golf centrando sempre degli ottimi risultati.
 
Oggi a Termoli, XXXIV edizione del Premio D'Andrea Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
10 aprile 2011 V Domenica di Quaresima
rotarySi svolgerà oggi, domenica 10 aprile alle 11 al cinema Sant’Antonio di Termoli la celebrazione della “XXXIV edizione del Premio Alfredo D’Andrea” organizzata dal Rotary International Club di Termoli – Distretti 2080 – 2090. Si tratta di un premio che onora la memoria di Alfredo D’Andrea, medico termolese che fondò il primo piccolo ospedale in città. Fu eletto Governatore rotariano e prematuramente scomparso prima di assumere il prestigioso incarico nel 1976. Il prestigioso premio coinvolge il distretto rotariano 2090 che comprende Marche, Umbria, Abruzzo, Molise e Albania con il distretto 2080 Lazio e Sardegna e tutti i Rotary Club dei due distretti.
L’evento sarà tenuto a battesimo dal Professor Bernardo Razzotti, Ordinario di Filosofia Morale all’Università “G. D’Annunzio” di Chieti e Pescara.
 
Ieri prima giornata della Ryder Cup di golf. Trionfano tre sangiacomesi Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
9 aprile 2011 S.Maria
miglianico_golf-icoSi è svolta ieri al Miglianico Golf Club vicino Pescara, la prima giornata della Ryder Cup che vedeva di fronte la squadra del Molise e quella dell'Abruzzo.La squadra Molisana era capitanata dal delegato provinciale di golf il termolese Mauro Molinero, che ha guidato un team composto dal meglio dei giocatori molisani quali: Pardo Desiderio, Basso Baldassarre, BassoMontanaro, Marvin Fantini, Tony Giuliano, Valentini Giuseppe e i tre sangiacomesi: Giancarlo Mancini, Arpino Giuliano e Galasso Attilio. Sulle nove gare svolte, i molisani se ne sono aggiuducate 5 di cui 3 vinte dal team sangiacomese.
Oggi seconda giornata di gara e sicuramente altre vittorie per i nostri compaesani.
 
I Runners di Termoli al 3° posto della Corrimolise di Venafro Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
9 aprile 2011 S.Maria
Can che abbaia non morde
runners_a_venafro-icoSi è svolta a Venafro (IS) – la Mezza Maratona denominata 2° Trofeo del Molise. Un successo con la partecipazione di quasi 700 atleti provenienti dall’Abruzzo, Campania, Lazio e ovviamente Molise, trattandosi  della prima gara del circuito Corrimolise organizzato dal Comitato Regionale Fidal Molise.  La gara è stata dal magrebino Kadir Hamid della società Campana Fiamme Argento che ha concluso la distanza di 21,097 km in 1h09’39”. In campo femminile vittoria assegnata a Martina Rocco della Running Club Futura con il tempo di 1h22’23”. Tra i numerosi atleti ben 28 termolesi della società di atletica adriatica Runners Termoli, società che ha conquistato il podio tra le oltre cento presenti, giungendo 3° assoluta. Alfiere della spedizione, decimo assoluto e solo secondo tra i molisani, il termolese DI BLASIO Gianni che ha chiuso in 1h19’44”. L’appuntamento è per i Campionati Italiani di mezza maratona in programma a San Benedetto del Tronto il prossimo 17 aprile.
2° Trofeo del Molise
CLASSIFICA PER SOCIETA'
Clas.    Società    Prov.        Punti    
1    CE750 G.S.D. FIAMME ARGENTO    CE               21h15:24.00    
2    IS011 ATLETICA VENAFRO    IS                           21h50:56.00    
3    CB039 RUNNERS TERMOLI    CB                         22h04:03.00    
4    NA556 A.S.D AMATORI ATL. FRATTESE    NA   22h08:31.00    
5    CE884 A.S.D. PODISTICA MARCIANISE    CE     22h14:46.00    
6    CE622 A.S.D. ATL. CAPUA    CE                            22h28:00.00    
7    CE033 ASD ARCA ATL.AVERSA A.    CE              22h28:30.00    
8    IS729 NUOVA ATLETICA ISERNIA    IS                22h33:03.00    
9    CH135 ASD PODISTICA SAN SALVO    CH         23h18:52.00    
10   NA021 A.S.D. 'IL PARCO'    NA                             23h44:22.00
 
Immagini della primavera nelle campagne di S.Giacomo Stampa E-mail
Scritto da Oscar De Lena   
8 aprile 2011 S.Alberto
Chi ascolta troppa gente conclude poco o niente
primavera-icoDa oltre due settimane è entrata la primavera e, anche se le giornate continuano ad alternarsi da piovose e ventose, a caldo
quasi estivo, si respira già un'altra aria. Nelle campagne dell'agro sangiacomese quasi tutti gli alberi sono in fiore e, il colpo d'occhio per chi le attraversa, è molto bello. Per darvene un'idea alleghiamo alcune foto di quello che siamo riusciti a fotografare in una giornata di sole come ieri . Clicca qui per ammirare alcune vedute di come si presentatano le  campagne nei dintorni di S.Giacomoin questi giorni. Peccato che ancora non riusciamo a trasmettervi anche il profumo della natura in fiore....ma ci stiamo attrezzando!
 
<< Inizio < Prec. 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 Succ. > Fine >>

Pagina 449 di 452